You are here : Home >> S11 – Tecniche di volo a vento sol...

S11 – Tecniche di volo a vento solare

Nello SpazioFondo non è mai notte. 

Le tecniche citate in questo romanzo fanno riferimento a possibilità tecnologiche via via in fase di esplorazione da parte della scienza. Nulla è più Space Opera di questo romanzo, e nessuna avventura ci porta più lontano delle sue pagine, flebilmente analoghe all’asimoviano “Nemesis”, fortemente simile al fumetto “2001 Nights” del giapponese Hoshino. Ed è spassoso notare come sia Hoshino, sia Mongai, siano parole di senso compiuto in giapponese, rispettivamente indicando “stellare” e “porta magica”.

In apertura di terzo millennio, le tecniche in questione sono state rilanciate come realizzabili anche dai libri del fisico teorico Michio Kaku (giapponese di origine, ma in realtà statunitense). In particolare, Kaku divulgò gli studi di Brian Gilchrist, finanziato dalla Nasa per sviluppare un nugolo di nanoastronavi lanciato a velocità luce da una iniziale propulsione laser per raggiungere stelle lontane, raccogliere informazioni e tornare indietro. L’idea, raccontata in Fisica dell’impossibile, non mi è però stata confermata da Gilchrist, una cui mail anzi lamenta l’eccessiva fantasia dell’autore.
Insomma anche i fisici, nel loro piccolo, cazzeggiano. Per scoprirne i motivi ci vorrebbe un’analisi della mente umana. Ecco un altro motivo per leggere le Tecniche: l’esplorazione su carta dello spazio e del tempo non è essenzialmente un viaggio dentro l’uomo? Mongai certamente la pensa così, ed aggiunge questa chiave di lettura alla cifra di questo suo romanzo, finora incredibilmente non scoperto da grandi editori.

Leo Sorge

Indice
La preparazione
La pena di morte
L’ingegner Mazziotti
L’espianto
Il collegamento
Lo sloop
Traghetto Polena
Vortice blu
Gracjia
I Naviganti
Ancora i naviganti
La porta del cielo
Artenagora
Elsa
Alla deriva
Aracnofobia
Nuove configurazioni
Di nuovo Elsa
Di nuovo…
À suivre